Tu sei qui: Home CALCIOMERCATO Milan: Mister X ha un ruolo: è un trequartista

Calciomercato,Serie A,Serie B-Milan,Juve,Inter

Milan: Mister X ha un ruolo: è un trequartista

E-mail Stampa PDF
( 0 Voti )

Mentre Fabregas sta per accasarsi al Barcellona, con enorme tristezza, Galliani deve preparare il piano B. Montolivo e Aquilani restano in cima ai pensieri rossoneri, ma con ogni probabilità sarà solo uno di loro ad arrivare a fine mese. Sembra essere l'ex juventino il favorito, più che altro per una questione economica con il Liverpool disposto ad abbassare le pretese iniziali fino a 6 milioni di euro. Ma non è detto che all'ultimo si sblocchi la trattativa con Montolivo, perché se è vero che la Fiorentina non vuole scendere sotto i 10 milioni di euro, è anche vero che il club viola rischia di perdere il giocatore nel 2012 a parametro zero. In ogni caso l'indizio migliore lo ha rilasciato Boateng. Intervistato dal “Corriere dello Sport”, il ghanese ha dichiarato: “Quello di trequartista è il ruolo che preferisco. Me lo godo, ma ancora per poco. Allegri mi ha già chiamato per dirmi che in futuro dovrò giocare a metà campo, a destra o a sinistra”. Un'indiscrezione importante che rilancia subito l'argomento trequartista. Dunque, oltre a un mediano tra Montolivo e Aquilani, al Milan arriverà anche un centrocampista più offensivo. E' questo dunque la strategia rossonera e i nomi non sono difficili da prevedere, a parte l'eventuale coupe de theatre naturalmente. Ganso resta ancora in cima alle preferenze del club di via Turati, ma il prezzo stabilito dal Santos resta elevato e difficile da colmare per le casse rossonere. Ecco allora che spunta nuovamente l'idea del ritorno di Kakà. E' vero che per tutta l'estate Adriano Galliani è andato ripetendo che il ritorno del brasiliano è impossibile perché i costi dell'operazione sono troppo elevati, ma non è ancora detta l'ultima parola. Il fatto che José Mourinho possa decidere di lasciare Kakà ai margini del Real anche per la prossima stagione, ha fatto in modo che Bosco Leite e figlio possano mostrare segnali di flessibilità rispetto all'eventualità di un taglio dello stipendio. Tanto più che Kakà il prossimo 22 aprile compirà 30 anni e non ha nessuna intenzione di trascorrere un'altra stagione nell'ombra, soprattutto in vista di una possibile convocazione per i Mondiali in Brasile nel 2014. Si deciderà dunque tutto nell'arco di due settimane. Difficile che Florentino Perez a Galliani pronto a riportare a Milano il figliol prodigo, sperando che Kakà torni a essere quello visto in rossonero e che la vicenda non finisca come per il ritorno di Shevchenko.

 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna


FACEBOOK

Google ADS

Amazon