Tu sei qui: Home CALCIOMERCATO Mercato Milan: via Robinho arriva Ljajic

Calciomercato,Serie A,Serie B-Milan,Juve,Inter

Mercato Milan: via Robinho arriva Ljajic

E-mail Stampa PDF
( 0 Voti )

ljajicEppur si muove. Settimana scorsa avevamo parlato diffusamente delle cena di Adriano Galliani e Daniele Pradé a Milano dove si parlò con una certa insistenza di Adem Ljajic. Allo stesso tempo parlavamo del famoso mercato a incastro che era bloccato dalle difficoltà della trattativa per Robinho al Santos. Sette giorni dopo le cose sono cambiate con i contatti con il Santos che vanno avanti e sono serrati perché entro lunedì prossimo la trattativa per il ritorno di Binho in Brasile dovrà concretizzarsi.

Il Milan, come detto da Galliani, ha fatto sapere al Santos di avere una cifra minima e una cifra massima per la quale è disposto a trattare. La richiesta minima è di 7,5 milioni, la cifra massima di 8,5. Un piccolo sconto per facilitare il passaggio di Robinho al Santos e sbloccare definitivamente il mercato rossonero.

Con la cessione del brasiliano, il Milan avrebbe la liquidità giusta per prendere Ljajic che rientra nei canoni di età ed economici rossoneri in quanto uscirebbe uno stipendio residuo da 4 milioni lordi e ne entrerebbe uno da 1,8 lordi. Si perché Ljajic ha chiesto alla Fiorentina un rinnovo importante, ovvero 1,8 milioni netti all'anno, cifra che i viola non hanno intenzione di concedergli. I buoni rapporti ritrovati tra Milan e Fiorentina, come testimoniano anche le parole di apprezzamento di Pradé nei confronti di Pazzini a Castiglioncello, fa ben sperare ma tutto dipende da Binho al Santos ma la sensazione è che si farà.

Così come si farà Keisuke Honda in rossonero. La pista è calda ma si va verso l'arrivo a gennaio. Gli accordi con il giocatore ci sono su tutto: ingaggio e durata del contratto. Il suo possibile approdo al Milan genererà un flusso di incassi importantissimo per le casse di via Turati: tra merchandising, diritti tv in Asia e turismo calcistico giapponese, il Milan potrebbe incassare circa 10 milioni di euro netti più eventuali compensi per tournée in Giappone da dove arriverebbero altri soldi. Qualche mese fa, in prossimità dell'accordo con il Guangzhou, avevamo ipotizzato, quasi per scherzo/provocazione, l'arrivo di un giocatore cinese al Milan per aumentare il suo fatturato grazie ai proventi del mercato asiatico. Avevo sbagliato di poco. Honda in Giappone è una vera e propria star ed è più considerato a livello mediatico di Nakata. Le sue doti tecniche poi sono fuori discussione e il suo approdo al Milan potrebbe rappresentare un doppio affare.

Oggi, giorno del raduno per la stagione 2013-14, è prevista la presenza a Milanello di Andrea Poli. In quel di Castiglioncello, parlando con alcuni suoi ex compagni di squadra, è venuto fuori il quadro di un ragazzo per bene, di un grande lavoratore in allenamento e soprattutto di un giocatore duttile, capace di fare sia legna che di dare qualità alla manovra. Potrebbe ereditare la maglia numero 16 da Flamini che ha deciso di interrompere il rapporto con il Milan dopo aver rifiutato l'offerta fattagli pervenire dal club. Troppo bassa secondo lui e pensare che "l'infortunio" di Siena poteva costare caro ai rossoneri. Niente, non è servito nemmeno il tentativo di mediazione di Galliani con l'avvocato Misserly. Tornando a Poli, il suo arrivo arricchisce il centrocampo del Milan di un altro rossonero vero, essendo lui tifoso milanista. La voglia di rivincita anche nei confronti dell'Inter c'è ma, come Pazzini, credo che non lo dirà mai pubblicamente. Un retroscena: l'anno scorso, quando saltò la sua permanenza all'Inter, il suo agente, Giovanni Branchini, restituì la tessera omaggio offertagli dall'Inter per le gare casalinghe dei neroazzurri. Adesso Andrea difenderà i colori giusti sperando che la stagione parta bene fin da oggi.

 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna


FACEBOOK

Google ADS

Amazon